SHARE

Riportiamo il comunicato emesso ieri e disponibile sul sito di Intek Group:

Proviamo a leggere tra le righe:

  1. Si incontrano la rappresentante comune degli azionisti di risparmio e i vertici della società
    L’incontro informale, come tanti che possono avvenire, viene pubblicizzato.

  1. La società asserisce che non ha allo studio ipotesi di conversione delle azioni di risparmio
    Excusatio non petita… dicevano i latini, va beh anche il sottoscritto non ha allo studio ipotesi di viaggi sulla luna, verò è che una precedente ipotesi era stata bocciata.
  1. La società ha interesse a valutare proposte
    La volpe che non arriva all’uva, però lo ammette l’uva è buona.
  1. “rivenienti da un numero di azionisti rappresentanti una percentuale rilevante del capitale di categoria.”
    Immaginiamo si voglia il 20%  (certamente si vuole evitare una cattiva figura tale che l’assemblea respinga la proposta del consiglio di amministrazione)
  1. Si rende disponibile ad un confronto costruttivo con il Rappresentante Comune.
    Riteniamo che se abbiano scritto il punto 4. (il 20% di azionisti) si aspettino una risposta rispetto alla possibile accettazione di questi azionisti sulla base di una nuova base. Probabilmente qualche ipotesi deve già essere già nell’aria, poichè si fa riferimento a “una proposta di conversione da attuarsi anche, o in parte, mediante utilizzo di strumenti obbligazionari.”

A questo aggiungiamo:

  1. oggi la azione Intek risparmio segna circa + 2% sul mercato
  2. la vecchia proposta prevedeva un valore di circa 0,59 (valore che già sappiamo rifiutato dalla maggioranza di azionisti)
  3. all’ultima assemblea (rileggiamo il verbale) si è palesata una controversia emergente rispetto alla distribuzione o meno di utili, azioni gratuite e riserve distribuibili; anche con possibili risvolti penali.

Possiamo ipotizzare che in un termine di tempo non troppo espanso anche le risparmio di Intek potrebbero sparire dal listino di piazza affari. Ma come ci avvertiva il Divo Giulio… a pensare male non faremo peccato?

 

SHARE

Rispondi