SHARE

Riprendiamo la nostra rubrica sui M&A con il nuovo anno.

I tassi negli stati uniti si manterranno probabilmente non altissimi per un buon periodo dell’anno, mentre la nuova politica di TRUMP rinvigorirà la borsa americana,  per questo riteniamo che avremo nuove opportunità di investimento negli arbitraggi da M&A focalizzando la nostra attenzione sulle offerte cash.

In sostanza giudichiamo meno rischioso scommettere su alcuni deal vantaggiosi, analizzandone attentamente le possibilità, piuttosto che puntare sul mercato obbligazionario che potrebbe portare brutte sorprese con un possibile rialzo dei tassi a lungo.

In buona sostanza andiamo a cercare titoli che potrebbero essere oggetto di take over, oppure titoli già oggetto di deal annunciati ma ancora non completati.

Dopo un anno interessante come il 2016, nella prima categoria troviamo il titolo ACTELION di cui si parla in questo post e nella seconda focalizziamo l’attenzione su una manciata di titoli: RAD, SWC, NXPI, MON, SYT; ma prima di esaminarli uno per uno vogliamo ricapitolare i motivi per i quali c’è uno spread sul quale guadagnare tra la quotazione attuale del titolo e il prezzo che sarà pagato.
Non dimenticando che talvolta un deal può fallire, come nel caso di Aixtron.

  1. A meno che non vi è la possibilità di un’offerta rivale, l’azione della società acquisita rimarrà stagnante fino al completamento dell’acquisizione, e questo non piace agli investitori nel mercato azionario ed il titolo non raggiunge il livello di prezzo riconosciuto nel deal.
  2. L’acquisizione può saltare a causa di problemi di antitrust o violazione delle condizioni di cui al l’affare.
  3. L’acquisizione è in tutto o in parte regolata con azioni della società acquirente ci si espone alla possibilità di una discesa dei corsi azionari dell’acquirente, questo è il motivo per il quale ci interessiamo solo di acquisizioni interamente per contanti, vista la difficoltà di andare short su azioni estere.
  4. Se il deal è di valore molto alto ci potrebbe essere il rischio che l’acquirente non riesca a reperire i capitali necessari.
SHARE

Rispondi