SHARE

 

Da circa 4 mesi Cabela ha accettato la proposta di acquisizione di Bass Pro Shops a 65,5 $ per azione, da allora è scivolato del 26% fino a 46, 28$, perché sembra che l’accordo stia saltando.

Tuttavia sembra che il prezzo raggiunto sia troppo penalizzante, anche se il prezzo venisse rinegoziato. In effetti la vendita di Cabela è articolata in due rami d’azienda, il settore delle carte di credito che dovrebbero essere cedute a Capital One Financial Corp. ed il settore della vendita al dettaglio.

Per quanto riguarda il settore del credito al consumo sembra che non si riuscirà a raggiungere il via libera dal regolatore per carenze di conformità anti riciclaggio, anche se la posizione potrà forse venire ammorbidita con l’avvicendamento dei funzionari grazie alla nuova amministrazione. Nel caso in cui non si riesca a vendere a Capital One, Cabela dovrebbe pagare una penale di 14 M $ ( da pesare su un merger da 5,5 G$) e comunque potrebbe trovare altri soggetti interessati all’acquisto, come Synchrony Financial Corp., Bank of America Corp., Citigroup Inc. e Toronto-Dominion Bank.

Possono poi presentarsi problemi relativi all’antitrust visto che un competitor come Gander Mountain & Co. sta fallendo, ma va anche valutato che il mercato nel quale sono attivi Cabela e Bass Pro è alquanto polverizzato.

Infine un fattore di rischio è la riduzione della convenienza fiscale per Bass Pro ad acquisire Cabela, alla luce della prossima revisione della tassazione dell’amministrazione Trump. Bass Pro infatti dovrebbe indebitarsi per l’acquisto di Cabela e l’impatto sulla tassazione di questo indebitamento sarà meno decisivo.

A nostro avviso Bass Pro non lascerà cadere l’acquisizione visto che in tal caso dovrebbe pagare una penale di 230 M $

Siamo long di CAB e abbiamo incrementato la posizione

Questo articolo è stato scritto da me medesimo, ed esprime le mie opinioni. Non ho ricevuto compensi per esso. Non ho alcun rapporto d’affari con società le cui azioni sono citate nel presente articolo. Il presente inoltre non costituisce in alcun modo sollecitazione all’investimento.

SHARE

Rispondi